Reggio Calabria Wireless
Dolci e gelati
LUN 21
N.d.
DOM 20
N.d.
SAB 19
N.d.
Cosa mangiare
Petrali



Ingredienti:

1 kg. di farina, 6 uova, 400 g. di zucchero, 
1 bustina di lievito, 200 gr. di burro, 1 bustina di vaniglia,
scorzetta di limone, diavoletti colorati

Per il ripieno

500 gr. di fichi secchi, 300 gr. di mandorle, 200 di noci,
200 di uvetta, cannella, buccia d’arancia, buccia di mandarino,
caffé q.b. (molto lento), vino cotto

 

Per la pasta frolla: Sulla spianatoia  facciamo una fontana con la farina, al centro aggiungiamo  lo zucchero,  le uova, la bustina di vaniglia, lo strutto, la  bustina di lievito e una scorzetta di limone grattugiato. Amalgamiamo con le mani  gli ingredienti piano piano, formando una pasta non troppo morbida, ma comunque compatta ed omogenea. L’impasto non va lavorato molto con le mani. Copriamo, quindi,  con un telo umido e facciamo  riposare per una mezz'ora.

Per il ripieno:  Tritiamo i fichi e mettiamoli in una "n’zalatera" (ciotola), ammorbidiamoli  con il caffé caldo già zuccherato e il vino cotto. Tagliuzziamo le noci, le mandorle, la buccia di arancia e quella di mandarino. Aggiungiamoli insieme all’uvetta e al pizzico di cannella. Amalghiamiamo e lasciamo riposare il tutto per almeno due giorni. (Occorre mescolare di tanto in tanto e all’occorrenza eventualmente aggiungere altro caffé).

Per fare i petrali: Infariniamo la spianatoia, tiriamo con il matterello una sfoglia molto sottile dalla quale ricaveremo dei dischi del diametro di 10 cm. circa. Poniamo sulla metà di ogni disco, un cucchiaio di ripieno e ricopriamo con l’altra metà. Mettiamo le mezzelune in forno a 180°, su una teglia precedentemente imburrata.

Guarnizione: Disponiamo i petrali su una "spasa" (vassoio), spennelliamo con uovo sbattuto e  mettiamo i diavoletti colorati.
(I petrali possono essere coperti, sempre solo sulla parte superiore, da glassa di zucchero o da cioccolato fondente o da cioccolato bianco)

E’ il tipico dolce natalizio reggino, un prodotto della nostra antica pasticceria che sa di tradizione tramandata con amore di generazione in generazione.

ACCESSO RAPIDO
Sondaggio
Quando pensi di visitare questa città?
Iscriviti alla newsletter Nome:    Email:    Newsletter per:    Iscriviti