Il Parco Archeologico di Locri Epizefiri

La storia vissuta all'aperto

Lungo la costa Jonica - a pochi chilometri a sud dell’attuale Locri - sorge il Parco Archeologico di Locri Epizefiri che, con i suoi reperti ascrivibili all’età del bronzo e del ferro, i resti della città greca con le sue mura, i santuari, il teatro, i suoi edifici privati e le numerose testimonianze di età romana e tardo antica, permette di ripercorrere oltre 4000 anni di storia.

Ultimo aggiornamento
Tempo di lettura
4 min.
Condividi
Parco Archeologico di Locri Epizefiri

Un museo a cielo aperto

Ai resti dell’abitato greco in località Centocamere e a quelli del Tempio di Marasà, che hanno restituito una gran varietà di reperti legati alla religiosità, all’arte e alla cultura, si sono aggiunti più di recente quelli di un santuario dedicato a Demetra Thesmophoros, tratti di mura di cinta greche e significative testimonianze monumentali di età romana imperiale, come il complesso Museale Casinò Macrì.

LO SAPEVI CHE?

Locri Epizefiri diede i natali a Zaleuco, autore del primo codice di leggi corredato delle relative pene, e a Nosside, emula di Saffo e maggiore poetessa della Magna Grecia.

Museo Archeologico Nazionale di Locri Epizefiri

Il complesso si trova all’interno dell’area archeologica, nei pressi del deposito votivo dedicato a Zeus. Al suo interno sono custoditi i reperti frutto degli scavi più recenti effettuati nella zona, mentre quelli più antichi hanno trovato il loro spazio espositivo all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

Dove
Parco Archeologico di Locri Epizefiri

Contrada Marasà, 89044
Locri (RC)

Mappa