Il castello di Calanna

Un forte a presiedere lo Stretto

Condividi

In posizione strategica, tra le falde dell’Aspromonte e lo Stretto di Messina, il castello di Calanna domina tutta la Vallata del Gallico, nella zona sud della città. Si suppone che il castello sorga su di una preesistente fortezza bizantina, anche se esistono studi che attestano la presenza umana nella zona dell'area già nell'età del ferro.

Il castello di Calanna

Un castello di importanza strategico-militare

L’antico toponimo di Calanna, dal greco Kale-amuna (buon riparo), disvela l’origine strategico-militare del sito. Fortificato sin dall’alto medioevo, questo antico borgo pre-aspromontano ha conosciuto il suo massimo splendore in epoca angioina, quando i registri della corte napoletana di Carlo d’Angiò segnalarono la presenza in loco di un maniero a pianta ottagonale. In seguito fu rimaneggiato e nel corso delle successive dominazioni perse d’importanza fino a subire gravi danni nel terremoto del 1783.

LO SAPEVI CHE?

Studiando i resti del castello gli archeologi si sono imbattuti in un insediamento che attesta ritrovamenti risalenti all'età del ferro, di cui è stata ritrovata una necropoli preellenica databile fra il X e il IX secolo a.C.

 

Le antiche rovine

Oggi sono individuabili tra i ruderi una parte delle antiche mura di cinta, vari torrioni a base quadrilatera e cisterne per l’approvvigionamento idrico della fortificazione. È visionabile l’accesso alla torre d’angolo est, la torre-carcere. La cortina muraria era intervallata da cinque torri e due porte di accesso al pianoro, come testimoniato da una valutazione del 1646. La linea fortificata sul lato sud risultava discontinua a causa della conformazione del pianoro che impediva la risalita su quel versante. Alcuni dei reperti ceramici rinvenuti nel castello sono custoditi all’interno del Museo Archeologico Comunale di Calanna.

38.183338214833,15.721199512482
Dove
Castello di Calanna

Calanna, 89050
Calanna RC

Mappa