Dove il vento bacia il mare

Il posto giusto per vela e sport nautici

La zona di Reggio Calabria è esposta a forti venti, rendendola il posto ideale in cui praticare sport come la vela e il kitesurf: da più di trent’anni questa regione è diventata una delle preferite degli amanti degli sport nautici.

Ultimo aggiornamento
Tempo di lettura
5 min.
Kytesurf Punta Pellaro

Il Circolo Velico di Reggio

Negli anni ‘80 a Reggio Calabria nacque il Circolo Velico Reggio, per volontà di un gruppo di appassionati di vela agonistica, che vollero dare vita a un riferimento sportivo di questa disciplina nel cuore della città di Reggio. Il Circolo, situato in uno degli angoli più suggestivi della via Marina, organizza corsi di Vela aperti al pubblico sia per i bambini (dai 7 ai 13 anni) sia per adulti; d’estate i bambini vengono coinvolti anche in veri e propri campi estivi di iniziazione alla vela, che vengono tenuti da istruttori federali alle Isole Eolie. Durante il corso i bambini possono imparare a conoscere l’attrezzatura delle barche, i nodi e alcune nozioni teoriche, metteranno subito in pratica ciò che avranno appreso in un contesto ludico e divertente.

Una presenza internazionale

Il Circolo fu subito teatro di grandi manifestazioni veliche. Sede della prima edizione della Coppa AICO a squadre nel 1983, dal 1984 organizza ininterrottamente la Mediterranean Cup, regata internazionale della classe Optimist. La Mediterranean Cup è considerata a tutti gli effetti un patrimonio sportivo della città, del suo straordinario mare e di tutti i partecipanti: ogni anno gli iscritti possono godere in modo semplice e diretto di tutti gli ingredienti che la rendono unica, come il mare, il vento, le correnti, l’ospitalità e le bellezze della natura.

 

Il kitesurf

Le condizioni ottimali di mare e vento rendono la zona di Reggio Calabria una delle migliori in cui praticare sport come il kitesurf: Punta Pellaro è una delle tappe più amate dai kitesurfer, anche per la vista mozzafiato della Sicilia da un lato, con l’Etna, e delle montagne dell’Aspromonte dall’altro.