Stomatico, il biscotto toccasana

Buono per la bocca, buono per lo stomaco

“Stomachico” è il termine gergale con cui si identifica un cibo “buono per lo stomaco”, perfetto per terminare un pasto. Lo Stomatico reggino, un biscotto secco dal colore ambrato e molto profumato grazie al caramello e alle spezie utilizzate nella preparazione, riflette, nel nome, la sua origine greca e le sue riconosciute  proprietà digestive. 

Ultimo aggiornamento
Tempo di lettura
3 min.
Condividi

Una ricetta contemporanea

La ricetta dello stomatico, pur affondando le sue radici nella tradizione contadina locale, viene incontro a molte delle esigenze salutiste contemporanee. L’assenza di uova e lattosio nella sua preparazione lo rendono un cibo altamente digeribile privo di grassi e adatto a persone che soffrono di intolleranze alimentari. A Reggio è largamente disponibile presso pasticcerie e forni tutto l’anno, ma la semplicità della sua ricetta lo rende facile da preparare in casa.

LO SAPEVI CHE?

Con lo stesso impasto dello Stomatico è possibile preparare i Piparelli reggini, altri biscotti dalla forma simile a quella dei “cantuccini” ma realizzati come sfogliette sottili e croccanti.

Un matrimonio perfetto

Il modo migliore per gustare gli stomatici è a fine pasto accompagnati da liquori o vini dolci liquorosi. In alternativa per i più golosi possono costituire anche una sana colazione inzuppati nel latte di mandorle per bilanciare la loro natura secca e porosa.