Il Palizzi, un vino dal sapore intenso

Un ottimo IGT di Reggio Calabria

Condividi

La Calabria porta con sé profumi e gusti eterni: il sapore del sud è concentrato nel Palizzi, capace di esprimere tutto il carattere forte e deciso della terra da cui provengono le sue uve. Il prelibato vino dell’area grecanica ha reso noto lo stesso paese di Palizzi con la denominazione “Palizzi città del vino”, un’allegra insegna che accoglie i turisti non appena giungono in paese.

Una produzione a dir poco controllata

Per essere denominato IGT - ovvero d’Indicazione Geografica Tipica -, un vino deve rispondere a specifiche molto strette, partendo dall’uva: almeno l’85% dei vitigni cui nasce deve provenire dalla zona specifica indicata. Per poterci gustare un ottimo Palizzi si utilizzano pochi vitigni, segno che sono stati mantenuti per la vinificazione solo quelli ritenuti migliori: noi non possiamo che esserne felici. La conferma della qualità viene a ogni assaggio del vino, dal colore brillante e luminoso.

LO SAPEVI CHE?

Qualche appassionato di storia afferma che, addirittura fino all’800, alcune imbarcazioni francesi arrivavano in zona al fine acquistare il vino di Palizzi che serviva per tagliare il vino d’oltralpe.

La zona di produzione del vino IGT

Essendo un vino di classificazione IGT dal 1995, la zona di produzione delle uve per ottenere mosti e vini Palizzi è specifica e comprende l’intero territorio dei comuni di: Bova, Bova Marina, Condofuri, Palizzi, Brancaleone, Staiti, tutti nella provincia di Reggio Calabria e quello che si ottiene è uno dei più rinomati vini rossi della viticoltura calabrese, di alta gradazione alcolica, capace di soddisfare il palato degli estimatori e degli esperti.